Migliorare la redditività delle banche nazionali

Un’analisi ha mostrato che l’impatto del COVID-19 sui dati finanziari delle banche nazionali lo scorso anno non è stato significativo. Piuttosto, si prevede che la redditività migliorerà attraverso gli sforzi per rafforzare la gestione del rischio.

L’8, S & P Global Valutazioni detto in un rapporto, “Gli sforzi costanti di banche nazionali nel corso degli ultimi anni per rafforzare la gestione del rischio porteranno ad un miglioramento della redditività in futuro.” “L’economia si sta riprendendo 비대면폰테크 dallo shock di Corona 19 The l’ambiente aziendale dovrebbe diventare più stabile quando entriamo nel

S&P ha modificato la valutazione del rischio del settore bancario nazionale da stabile a positiva, pur mantenendo un’opinione stabile sul rischio economico. Ciò non ha un impatto significativo sui rating creditizi e sulle prospettive di rating delle banche nazionali.

In passato, le banche nazionali hanno gestito costantemente il rischio in previsione di bassi tassi di interesse e incertezza economica. Negli ultimi anni, abbiamo ridotto la nostra esposizione a settori vulnerabili come la cantieristica navale, la navigazione, l’edilizia e il finanziamento di progetti immobiliari (PF), cancellando allo stesso tempo i prestiti in sofferenza per accumulare ulteriori accantonamenti. Di conseguenza, il tasso di crediti deteriorati delle banche è costantemente migliorato nonostante le conseguenze del COVID-19, registrando un minimo storico dello 0,9% alla fine del 2020 dall’1,4% alla fine del 2016.

Gli sforzi di gestione del rischio sono stati compiuti anche nell’area dei prestiti ipotecari. S & P ha detto: “A partire dalla fine del 2020, la bassa rimborso medio mutuo (LTV) rapporto di circa il 50% e il rafforzamento del rapporto totale rimborso del debito prendendo in considerazione il reddito sono fattori che garantiscono adeguata capacità di rimborso del mutuatario. Un aumento della proporzione dei mutui di tipo ipotecario è anche uno dei fattori a supporto della qualità degli attivi”.

S&P ha analizzato che l’impatto del COVID-19 sulla performance finanziaria delle banche coreane lo scorso anno non era significativo. In particolare, l’impatto delle politiche di sostegno finanziario che estendono la scadenza del rimborso dei prestiti o differiscono il rimborso degli interessi per le PMI e i proprietari di piccole imprese colpite da COVID-19 (6% del prestito del sistema bancario a fine marzo 2021) è a un livello gestibile . La quota di prestiti soggetti a dilazione degli interessi, che è altamente probabile che sia insolvente, è piuttosto contenuta.

La banca Internet, che si è rapidamente affermata come concorrente, è stata giudicata “a basso rischio”. S&P ha dichiarato: “Poiché la concorrenza nel settore bancario è stata stabile negli ultimi 10 anni, questa tendenza continuerà in futuro.” “La quota di mercato combinata delle due banche nazionali solo su Internet (basata su depositi e prestiti al fine del 2020) è di circa 1,0%, e individuale si occupa principalmente di prestiti di credito. È improbabile che l’emergere di banche solo su Internet rappresenti una grave minaccia per le banche storiche nei prossimi anni”.

댓글 달기

이메일 주소는 공개되지 않습니다. 필수 항목은 *(으)로 표시합니다